I nostri giorni a Trieste

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Trieste….ci abbiamo passato solo due giorni perché gli appuntamenti sono tanti ma sono stati due giorni bellissimi… Trieste ci è rimasta nel cuore… Io ci ho vissuto ben 14 anni, dall’università in poi…. e Max ci ha vissuto 7 anni, quasi tutti con me 🙂

Lí, ci siamo incontrati, ci siamo innamorati, ci siamo sposati e sono nati i nostri primi 3 figli…quindi era davvero una meta importante!

Non si poteva vedere tutto e quindi abbiamo dovuto fare delle scelte, ci siamo fatti una bella passaggiata a Barcola fino al Castello di Miramare che abbiamo visitato. I bimbi sono stati bravissimi, hanno camminato più di 6 km tra l’andata e il ritorno! Poi abbiamo preso il trenino che dal centro arriva fino ad Opicina e abbiamo passeggiato sulla Napoleonica, una camminata bellissima che arriva fino a Prosecco…Un’altra passaggiata bella impegnativa ma che tutti hanno fatto con piacere. Tutto questo condito da una leggera bora!!

L’unica nota negativa è stato il momento della partenza…siccome ancora non vi ho detto niente sulla nostra vita nel camper, ve ne parlerò in un altro post ma devo ora essere sincera…non abbiamo nessuna esperienza!! Inoltre, non abbiamo incontrato la persona che ce l’ha venduto visto che è andato mio cognato a prendercelo a Macerata… quindi ci siamo persi le sue spiegazioni e molte cose le stiamo scoprendo giorno per giorno…poi, tutto sta succedendo molto in fretta per ora e non ci siamo messi molto d’impegno a capire bene ogni cosa…Ci sono delle cose da rispettare per riuscire a vivere bene in camper, una di queste è non consumare tutta l’energia delle batterie 😀 Per farvela breve, ci siamo cullati del fatto che le batterie si sarebbero ricaricate col fotovoltaico che c’è sul tetto del camper ma…non è stato così…o meglio la carica non bastava a riaccendere il motore per ripartire!! In quel momento ci siamo resi conto dell’importanza di fermarsi un attimo per imparare…abbiamo scoperto che nel camper non c’era una batteria da camper ma da macchina e quindi non abbastanza potente…alla fine, visti i progetti di viaggiare un bel tempo, abbiamo optato per comprare la batteria giusta…abbiamo investito un importo equivalente al budget di 5 giorni di viaggio 😦 ma recupereremo lavorando!!

I nostri primi giorni

DSC_7532.JPG

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci credete che siamo arrivati già da una settimana? Noi non ci crediamo! Una settimana…passata in un secondo! Credo sia perché stiamo vivendo a mille…a partire dal viaggio…una vera avventura, 5 ore di ritardo, una fermata obbligata in albergo a Casablanca, tanti amici di “sventura”ma tutto bene quel che finisce bene, siamo arrivati sani e salvi, con tutte le nostre valigie piene di tutto quello che abbiamo deciso di tenere e la nostra chitarra. Abbiamo finalmente “incontrato” il nostro camper, comprato 1 mese fa grazie al preziosissimo aiuto di Toni, il fratello di Max, che è andato fino a Macerata a prenderlo…Abbiamo deciso di chiamarlo Jatobà, in ricordo di un albero bellissimo che abbiamo nel nostro terreno in Brasile.

Abbiamo passato qualche giorno a Senago a casa degli zii Toni e Fra, una rimpatriata in famiglia così bella che solo chi vive lontano dagli affetti può capire…pochi giorni ma perché sappiamo che ora sarà più facile vederci, ce ne siamo andati via senza lacrime perché tanto ci si rivede tra poco 🙂

Da Senago siamo partiti per Secugnago in provincia di Lodi, ad incontrare una famiglia di amici carissimi conosciuta qualche anno fa via internet, Elisa, Matteo e Linda. Siamo qui da ieri ma sembra di conoscerli da sempre…i nostri figli giocano come se fossero amici da una vita, tante emozioni, tante chiacchiere, tante idee in comune… Oggi siamo andati a visitare il Museo del Lavoro Povero e della Civiltà Contadina a Livraga, un tuffo nel passato e nelle nostre origini. Bellissimo, la visita era condotta da un vecchietto davvero simpatico, pieno di ricordi della sua infanzia…L’entrata al museo era gratuita e in cambio di un’offerta abbiamo ricevuto 7 libri…un vero tesoro!

Questo slideshow richiede JavaScript.