Vivere fuori dai binari…

Vi chiederete il motivo di questo titolo… è un pò così che ci sentiamo in questi giorni… potrei dire addirittura fuori dal mondo! Diciamo che siamo tornati qui a Civitella pieni di entusiasmo come è nella nostra natura ma alcuni episodi ci hanno messi un pò alla prova.

13147643_1749708885248331_7639790512959655058_o (1)

Siamo alla ricerca di un posto dove vivere in quest’anno di prova… non abbiamo grandi pretese, siamo abituati ad adattarci e ci stiamo proponendo anche di tenere in ordine case che i proprietari non riescono a curare per ragioni di tempo o di lontananza… ma stiamo facendo una gran fatica. Non perché le case non ci siano, anzi qui è pieno di case vuote…ma a causa di come siamo… Intanto devo dire che in questi giorni ci sentiamo quasi stranieri e in più ci rendiamo conto che “l’abito fa il monaco”!

Chiaramente vivere in camper viaggiando è una cosa e vivere in un paesino in camper è un’altra. Viaggiando dai meno nell’occhio, le persone non fanno tanto caso al fatto che i bimbi non vanno a scuola, che hanno già dei piercing, che non siamo vestiti proprio alla moda, la gente ti vede come un turista e quindi non fa tanto caso ai tuoi atteggiamenti… Rientri nella categoria Turista e non sei preoccupante. Quando invece sei fermo in un posto e vivi in camper, è tutta un’altra storia… rientri nella categoria Personaggi Strani e chissà forse Pericolosi. Per raccontarvene una, lunedì scorso, avevamo deciso di vedere se trovavamo casa a Nazzano. Avevamo sostato in un parcheggio del paese dove tra l’altro era parcheggiato anche un altro camper e abbiamo fatto colazione (chiusi dentro il camper). Eravamo lì da una mezz’oretta, stavamo lavando denti e piatti, che ci bussano alla porta. Erano i Carabinieri. Ci hanno chiesto i documenti nostri e del camper, credo siano rimasti sorpresi di non aver trovato dei delinquenti visto che erano stati chiamati… Hanno chiesto come mai i bimbi non erano a scuola, dove abitavamo… abbiamo dovuto dimostrare in qualche modo di essere “normali”… si sono tranquillizzati scoprendo che stavamo cercando casa, che il camper era intestato al fratello di Max che è un loro collega… La sensazione non è stata per niente piacevole…

Oltre a quest’episodio, ci sono le porte chiuse perché abbiamo “troppi” bimbi, perché non abbiamo un lavoro regolare, perché viviamo in camper e siamo strani… Tutto questo è davvero poco giustificabile visto che Pina ci sta aiutando in tutti i modi e si propone anche come garante nell’eventuale affitto. Chiaramente non ci diamo per vinti, la ricerca continua… ma il nostro pensiero va a tutte quelle persone che non hanno nessun aiuto e che non possono “far finta” di essere normali!